News

News

14 febbraio 2019

Chiusura temporanea stazione 116 - Morgagni Redi

Vi informiamo che per consentire lavori di potatura nell'area circostante, la stazione n. 116 - Morgagni Redi, verrà temporaneamente chiusa a partire dalla tarda serata di giovedì 14 febbraio e sarà riattivata nella giornata di venerdì 15 a conclusione dei lavori. 

Ci scusiamo per il disagio e vi invitiamo a utilizzare in sostituzione una delle seguenti stazioni:

27 - Porta Venezia
113 - Buenos Aires - Lima
114 - Buenos Aires - Argentina
119 - Settembrini - Vitruvio
124 - Porta Venezia 2

Torna su

13 febbraio 2019

Riapertura stazione 189 - Procaccini - Cimitero Monumentale

Vi segnaliamo che la stazione n. 189 - Procaccini - Cimitero Monumentale, chiusa per lavori all'area circostante, è stata riattivata.

La stazione cambia temporanemente posizione: collocata sempre in piazza Cimitero Monumentale, si trova ora sul lato sinistro dell'area.

 IMG-20190214-WA0005

Torna su

13 febbraio 2019

Un altro successo per la Bike Challenge di FIAB

È in programma per venerdì 15 febbraio a Milano la premiazione dei vincitori della Bike Challenge 2018, la divertente competizione riservata alle aziende e ai loro dipendenti che, tra settembre e ottobre scorso, hanno scelto con costanza di usare la bicicletta negli spostamenti casa-lavoro o nel tempo libero.
Promossa in Italia da FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta e giunta alla quarta edizione, la Bike Challenge 2018 ha coinvolto oltre 1.100 partecipanti di 114 aziende/organizzazioni dell’area metropolitana milanese.

Obiettivo della gara quello di incentivare il bike-to-work tra i lavoratori, sensibilizzando parallelamente le aziende ad adottare politiche e servizi a favore di chi sceglie di raggiungere il posto di lavoro in bicicletta.

I numeri di Bike Challenge sono di tutto rispetto: ben 124 partecipanti sono nuovi ciclisti, ovvero persone che grazie alla competizione hanno scelto di provare ad andare al lavoro sulle due ruote, mentre l’intera manifestazione ha fatto registrare un totale di 312.264 Km percorsi in 22.370 pedalate che equivalgono a un risparmio di emissione di CO2 di 53.365 kg.

Interessanti sono anche i criteri di premiazione della Bike Challenge che, da sempre, non manda sul podio chi ha fatto più chilometri in sella, ma chi, nel periodo della gara, ha pedalato con maggiore frequenza. Riconoscimenti saranno consegnati anche alle aziende (in gara per categorie in base alla dimensione) che hanno messo in sella la maggiore percentuale di lavoratori e alle realtà che hanno saputo invogliare chi non è abituato ad usare la bicicletta. Premi individuali anche per i migliori “ambasciatori’ delle due ruote, ovvero coloro che hanno coinvolto più colleghi nell’esperienza del #biketowork.

L’edizione 2018 della Bike Challenge è stata realizzata grazie al patrocinio della Fondazione Cariplo.
Inoltre, anche quest’anno, il sistema di bike sharing del Comune di Milano, BikeMi, è partner dell’iniziativa e, grazie al sostegno di Clear Channel (gestore del servizio), mette a disposizione per i vincitori di ogni categoria alcuni abbonamenti al servizio: 50 annuali, 50 settimanali e 50 giornalieri.

13-12-18_BIKEMI_10mo _0178

La consegna dei premi della Bike Challenge 2018 avverrà
venerdì 15 febbraio 2019 alle ore 18:30 presso il locale HUG, in via Venini, 83 a Milano.

Per info: www.biketowork.it - www.fiab-onlus.it

Fonte: comunicato stampa Fiab, 6 febbraio 2018

Torna su

11 febbraio 2019

Chiusura temporanea stazione 248 - Teodorico - Gattamelata

Vi informiamo che per consentire un intevento all'edificio adiacente, la stazione n. 248 - Teodorico - Gattamelata sarà temporaneamente chiusa a partire dal pomeriggio di martedì 12 febbraio.

Ci scusiamo per il disagio e vi invitiamo ad utilizzare in sostituzione, le seguenti stazioni limitrofe:

  • 249 Vigliani – Scarampo
  • 219 Firenze
  • 225 Chiesa – Filiberto
  • 309 Magno – Alcuino

La stazione sarà riattivata a conclusione dei lavori.

 

 

Torna su

08 febbraio 2019

Chiusure temporanee in occasione del Capodanno Cinese

In occasione dei festeggiamenti per il Capodanno Cinese, per motivi di ordine pubblico, le stazioni n. 186 - Gramsci, 187 - Sarpi – Albertini e 188 - Sarpi - Niccolini saranno temporaneamente chiuse.

Le stazioni saranno disattivate a partire dalla tarda serata del 9 febbraio e saranno ripristinate lunedì 11 febbraio ad apertura del servizio.

Ci scusiamo per gli eventuali disagi e vi segnaliamo per ciascuna delle stazioni coinvolte, le limitrofe da poter utilizzare.

Nelle vicinanze della n. 186 - Gramsci:

137 - Sempione - RAI
181 - Sempione - Melzi d'Eril
182 - Melzi d'Eril - Cagnola.

Adiacenti alla n. 187 - Sarpi - Albertini sono le stazioni:

99 - Arco della Pace 1 - Bertani
137 - Sempione - RAI
181 - Sempione - Melzi d'Eril
182 - Melzi d'Eril - Cagnola
185 - Santissima Trinità.

Infine, in prossimità della n. 188 - Sarpi - Niccolini, è possibile utilizzare:

16 - Moscova
17 - Legnano Arena civica
39 - XXV Aprile
99 - Arco della Pace 1 - Bertani
103 - Arco della Pace 2 - Pagano
184 - Porta Volta
191 - Farini - Quadrio.

Torna su

04 febbraio 2019

Chiusura temporanea stazione 222 - Durante - D'aviano

Vi informiamo che per interventi di rinnovamento sulla stazione n. 222 - Durante - D'aviano, la stessa sarà temporaneamente chiusa nella giornata di martedì 5 febbraio.

Ci scusiamo per il disagio e vi indichiamo di seguito le stazioni limtrofe da poter utilizzare in sostituzione:

• 207 Loreto
• 266 Sauli – Battaglia
• 145 Lombardia – Vallazze
• 210 Aspromonte – Pecchio

La stazione sarà nuovamente attiva da mercoledì 6 febbraio.

 

Torna su

04 febbraio 2019

Cambia il progetto della stazione Sant'Ambrogio

Progetto _stazione _sant -ambrogio _630a .jpg

Ecco come si presenterà la nuova Stazione di Sant’Ambrogio della M4, la nuova metropolitana di Milano. Una nuova soluzione per l’accesso è stata infatti promossa dal Comune di Milano e autorizzata dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, realizzata da M4 spa, Consorzio CMM4 e Metro Blu scarl, a firma dell’ingegner Lamberto Cremonesi di Crew S.r.l.

Progetto _stazione _sant -ambrogio _533.jpg

L’obiettivo è duplice: garantire la piena funzionalità agli utenti della linea 4 e l’inserimento armonico in un contesto di particolare pregio storico-artistico.

La nuova soluzione progettuale riguarda sia l’accesso principale alla stazione della linea 4 che il collegamento fra la M2 e la M4 e modifica la precedente idea che prevedeva una scala fissa e una scala mobile posizionate sul marciapiede di via San Vittore in uno spazio assai esiguo. Questa conformazione avrebbe interferito sui sottoservizi presenti e avrebbe comportato un forte impatto sulla viabilità delle vie San Vittore e Carducci.

Da queste criticità è scaturita l’opportunità di ricavare l’uscita all’interno del fossato posto sul lato nord della Pusterla, risolvendo gran parte delle problematiche citate, riqualificando e valorizzando l’area della Pusterla, in particolare lo spazio ipogeo sul retro, fino a oggi configurato come uno spazio di risulta posto al fuori delle attenzioni degli utenti in quanto privo di funzione. La realizzazione di questa ipotesi ha portato a un ridisegno complessivo del progetto.

Con la nuova uscita questo spazio si trasformerà in una vera e propria zona di passaggio in diretto collegamento con il sagrato della chiesa di Sant’Ambrogio, la piazza adiacente e l’Università Cattolica.

Nel dettaglio il progetto prevede la realizzazione di due aperture sui muri nord e ovest al fine di creare l’uscita dal cunicolo di collegamento tra le linee M2 e M4; l’uscita all’esterno sarà poi protetta da una copertura con vetrata sorretta da un sobrio portale in metallo. Un’ampia scalinata che asseconda l’attuale andamento dell’orografia permette di superare il dislivello tra il piano della città e il livello ipogeo dell’uscita dal collegamento M2-M4.

Va sottolineato anche il notevole effetto visivo di disvelamento progressivo della Basilica per chi utilizzerà la scalinata. Completa il progetto la collocazione del volume dell’ascensore di risalita su via Carducci in una zona priva di interferenza visiva con il sistema della Pusterla che resta pertanto intoccato nel suo disegno e nella sua percezione visiva dalla città.

“Mentre proseguono i lavori di costruzione della linea Blu - ha dichiarato Marco Granelli, assessore alla Mobilità del Comune di Milano - ci stiamo occupando di come sarà la città una volta funzionante la metropolitana, con soluzioni che mettano insieme funzionalità ma anche bellezza. L'area monumentale di Sant'Ambrogio sarà più vicina a tutti, una manciata di minuti da Linate o da San Cristoforo”.

Progetto _stazione _sant -ambrogio _600

La Soprintendente Antonella Ranaldi spiega l’aspetto che più ha convinto la Soprintendenza, considerata la delicatezza del sito: “Uscendo dalla stazione l’ampia scalinata offrirà la veduta della basilica di Sant’Ambrogio, simbolo stesso della città, un po’ come avviene per il Duomo; sarà un’apparizione spettacolare. Il tutto si articolerà creando un nodo di percorrenza, dove acquista risalto l’accesso dalle Pusterle, ben restaurate da pochi anni. Abbiamo comunque evitato che ci fosse qui il volume dell’ascensore troppo interferente che è stato collocato in altra posizione”.

Il progetto di suolo del nuovo spazio aperto ipogeo parte da un’attenta analisi della stratificazione storica e si ripropone di ricostruire idealmente le spazialità originarie del sistema difensivo della Pusterla basandosi sulle tracce esistenti, soluzione studiata in concerto con la Soprintendenza. Anche i materiali utilizzati in questo progetto si rifanno alla tradizione costruttiva milanese, la pietra, accostandoli a materiali contemporanei, il calcestruzzo spazzolato e il metallo, il cui disegno traccia a terra e sulla parete nord le linee del vecchio sistema difensivo facendolo riemergere filologicamente.

Progetto _stazione _sant -ambrogio _630b .jpg

Fonte: Comune di Milano

Torna su

28 gennaio 2019

Ad Amsterdam si progettano rastrelliere per distribuire l’energia prodotta dai ciclisti

Non esiste ancora un prototipo, ma l’idea di incamerare i watt prodotti durante la pedalata e “restituirli” al proprio quartiere per l’illuminazione pubblica e degli appartamenti potrebbe rendere Amsterdam ancora più sostenibile grazie (una volta di più) alla bicicletta. Meglio, grazie alle rastrelliere S-Park e alle ruote anteriori progettate dai designer Guillaume Roukhomovsky e Blaž Verhnjak: le prime verrebbero posizionate in ciascun quartiere, le seconde potranno essere applicate a qualsiasi bici per immagazzinare l’energia generata dal ciclista. Una rastrelliera da 30 biciclette, parcheggiate dopo aver pedalato una media di 3,5 km al giorno, potrà garantire circa un kilowattora ogni 24 ore. Risparmio ad ora contenuto (circa il 10% dei consumi di una famiglia media), ma l’apertura di un nuovo, affascinante filone di ricerca.

Per sapere se Amsterdam accoglierà o meno le rastrelliere S-Park si dovrà attendere il verdetto della Clean Energy Challenge, un concorso internazionale che nella capitale olandese punta a trovare soluzioni per impianti energetici sostenibili. Questo perché, ad esempio, i pannelli solari non possono essere installati sui tetti degli edifici storici. Così i 2 milioni di chilometri pedalati ogni giorno ad Amsterdam nascondono una “centrale” di energia diffusa e preziosa in grado di alimentare i quartieri e le abitazioni.

Rastrelliere Bici Elettrica

L’obiettivo dei suoi creatori è presentare S-Park all’amministrazione cittadina, che ha già annunciato un investimento complessivo da 90 milioni di euro su infrastrutture ciclabili entro il 2020. Obiettivo che va di pari passo con l’altro impegno assunto dalla capitale: utilizzare un quarto della propria energia da fonti green entro il 2025. D’altronde se in Olanda possono permettersi le ciclabili in plastica riciclata, non c’è da stupirsi che l’idea delle rastrelliere come piccole centrali di smistamento di watt stia già raccogliendo l’interesse degli investitori.

Fonte: rivista bc

Torna su

21 gennaio 2019

Milano: dal 25 febbraio arriva l'Area B

Dal 25 febbraio a Milano sarà attiva l'Area B, la nuova zona a traffico limitato che interesserà il 72% del territorio comunale coinvolgendo il 97% della popolazione residente.

Obiettivo principale di questa misura è limitare il più possibile gli accessi dei mezzi più vecchi ed inquinanti, consentendo il transito solamente negli orari meno congestionati. In questo modo si andrà ad intervenire su circa il 65% delle emissioni inquinanti derivanti dai trasporti.

Il Comune, secondo quanto dichiarato, auspica tra il 2019 ed il 2026 una drastica riduzione sia del particolato (circa 25 tonnellate) sia di ossido di azoto (tra lei 900 e le 1500 tonnellate). 

L'accesso sarà impedito ai veicoli benzina euro 0 e diesel euro 0,1,2 e 3, fino ad escludere entro il 2030 tutti i veicoli diesel.

Area B sarà delimitata da 188 punti di accesso, il 25 febbraio saranno attivati i primi 15 varchi, i restanti entro ottobre 2020.

AREA B

Fonte: rivista BC

Torna su

14 gennaio 2019

Fatturazione elettronica: come richiedere una fattura a BikeMi

Come tutti ben sapete, dal 1 gennaio 2019 è diventata obbligatoria l’emissione di fattura elettronica.

Per coloro che hanno necessità di ricevere una fattura relativa al pagamento dell’abbonamento a BikeMi o all’addebito delle tariffe d’uso, riportiamo di seguito le indicazioni su come comportarvi.

Residenti in Italia:

Aziende o privati con partita IVA - Per consentirci l’emissione di fattura elettronica è necessario che ci comunichiate preventivamente il vostro codice SDI (composto da 7 caratteri alfanumerici) oppure il vostro indirizzo PEC. 

Privati senza partita IVA – in questo caso non viene emessa fattura.

Residenti all’estero:

Per tutti i clienti con residenza fuori dall’Italia, la procedura di fatturazione rimane invariata rispetto al passato.

Vi ricordiamo inoltre che la fattura va richiesta tramite mail all’indirizzo info@bikemi.it, nel momento in cui avviene la transazione di addebito.

 

 

 

Torna su
<12345...>

Contatti

Il Call Center ATM è a vostra
disposizione per qualsiasi chiarimento ed informazione.

Welcome

Please select your language:

Ultime Notizie

Apertura nuova stazione 354 - Foro Buonaparte

Dal 19 luglio

BikeMi al Giffoni Film Festival 2019

Dal 18 al 28 luglio 2019, BikeMi è al festival del cinema per ragazzi.

Riapertura stazione 325 - Romolo M2

Da mercoledì 17 luglio

BikeMi e ATM - tessera unica e nuove tariffe in convenzione

Dal 15/07 tessera unica ATM e BikeMi e abbonamenti ridotti per gli abbonati annuali.

Chiusura temporanea stazioni 1 - Duomo e 49 - Meda

Sabato 7 luglio

Atti vandalici: chiusura temporanea stazione 325 - Romolo M2

La stazione è temporaneamente chiusa per i lavori di ripristino.

Chiusura temporanea stazione 109 - Tunisia Lecco Bellintani

Dal 27 giugno

MITO settembre musica: una convenzione per gli abbonati BikeMi

Aperte le vendite dei biglietti presso il Teatro dal Verme.

Indagine sulla qualità del servizio

Dal 17 giugno.

Disservizio di rete

Stazioni non operative

<>